9 punti e 4 linee



"La nostra vita è fatta di schemi, ipotesi. Ci costruiamo delle mappe
mentali e
cerchiamo di incasellare la nostra esistenza all’interno di
queste.
Per farvelo capire vi spiego il gioco dei 9 punti. Il gioco
chiede di collegare
tutti i nove punti che vedete anche in figura con 4 linee rette
senza staccare mai la matita dal foglio.

Se non lo avete mai fatto comincerete ad arrampicarvi sugli specchi
cominciando a
tracciare tutte le linee possibili all’interno dello
spazio tra i punti, come se i punti più
esterni costituiscano una sorta
di limite del gioco.
Il gioco in verità illustra un fenomeno universale della mente umana:

la necessità di classificare i dati in categorie, per poterli studiare
e percepire.
Istantaneamente il vostro cervello classifica i 9 punti
come un quadrato a due dimensioni e
così rimangono, come chiodi,
configurando una scatola con i punti a ciascun angolo,
anche se di
fatto non esiste nessuna scatola nella pagina.

Con questo modello mentale la soluzione è ovviamente impossibile.
Se
invece avessi aggiunto alle istruzioni originali quella di poter
utilizzare
l’intero spazio nella carta, allora vi sarebbe apparsa una
nuova possibilità.

Anche questa è l’arte della possibilità: ogni problema, dilemma o cosa
che
sembri arrivata alla sua fine ci appare impossibile, come il
problema dei punti.
Allargate la scatola, e compare un’opportunità,
scompare il problema.
Ponetevi le domande fondamentali.
Che ipotesi sto facendo, che non sono
perfettamente consapevole di fare,
che mi fa apparire tale quel che
vedo?
Cosa posso inventare, che non ho ancora inventato, che mi dia
un’altra possibilità?
Chi dice che questo non gli interessa perché vive fuori da ogni tipo di
scatola
poi va a finire che si ritrova in una scatola in legno di
80×200 e allora è finita.

1 comment

Further reading

Instagram feed

Error validating access token: The session has been invalidated because the user changed their password or Facebook has changed the session for security reasons.Follow @matteoaiello