Nel parcheggio

Matte vi odia tutti.
A prescindere che voi siate uomini, donne o bambini.
Matte vi odia.

Finita l’ormai classica amichevole infrasettimanale, questa volta contro la Fiorentina, attraverso viale Fanti per andare a riprendere la Batmobile che avevo parcheggiato nel parcheggio davanti al Mandela Forum.
Ovviamente iPod ben saldo nelle trombe di Eustacchio a volume piuttosto sostenuto.
Mentre clicco sul telecomando della chiave per aprire la macchina, una Punto nera comincia a sfanalarmi.
D’istinto mi fermo cercando di capire in quel buio pesto chi cavolo ci fosse alla guida. Appena mi si affianca, il conducente tira giu il finestrino e dice qualcosa che, complice l’assolo finale di Jump In The Fire, non capisco.
Cosi, togliendomi le cuffie e facendole girare intorno al collo, alla Maurizio Mosca gli chiedo: “Come??”.
Non l’avevo mai visto prima.
Capello sale e pepe, occhialino da vista con montatura nera, barbetta incolta, camicia bianca e cappotto scuro, non so se nero o blu perchè con quella quasi totale assenza di luce non si capiva. Doveva avere una quarantacinquina d’anni, anche se non sono molto affidabile nell’indovinare l’età delle persone a colpo d’occhio.
D’istino penso che probabilmente si è perso.
Un classico, sto dalla parte opposta della città e per quanto tra ex fidanzate, scuola ed ex squadre quella zona la conosco benaccio, non sono cosi padrone dello stradario.
Beata innocenza.
Con un candore da 25 dicembre abbozza un sorriso e mi chiede: “Scusa per cinquanta euro te lo posso fare un pompino?”
Gelo.
Già faceva un freddo roba da ricovero, con quella domanda si era raggiunto lo zero assoluto di Crystal il Cigno.
La vena si tappa, il sangue non deambula più.
“Guarda se non ti levi dal cazzo ti taglio la gola”.
La mia minaccia rimbalza come tutti i tentativi di Fantozzi di imbroccare la signorina Silvani.
“Mmmmmmm cattivo”
Cattivo???
Cattivo???
Come lascio andare la borsa in terra e mi avvicino verso di lui probabilmente per tirargli il collo come un Modigliani, ingrana la prima e parte facendo da zero a sessanta più velocemente di una Lamborghini.
Tanto per gradire scuoto la testa, e apparentemente come se non fosse successo nulla mi rimetto le mie adorate cuffiettine nelle orecchie, metto la borsa nel portabagagli e parto in direzione BrozziBronx.
Ma roba da pazzi! E basta!!
Quanto deve durare ancora questa maledizione???
Ma più che altro chi me l’avrà fatta??
La lista è lunga, troppo.
“McClane, tu sei l’uomo sbagliato, nel posto sbagliato, nel momento sbagliato”
“La storia della mia vita…..”
6 comments
  • STRAORDINARIO!!!!!!Solo una cosa: la frase finale è quella nel film "l\’uomo nel mirino" con clint eastwood? o no forse mi sbaglio…. fammi sapere….

  • matte sono  novoli a un pc della biblioteca e non riesco a smettere di redere..
    ahahah ma comè possibile!!??!!?

  • …benedetta ignoranza!!ma quale clint!!!è Die Hard 2 – 58 minuti per morire
    cmq…
    hahahahahahahaahhaahhahahahahahahah
    ahahahahahaahahhahahahahahahahahahah
    ahahahahahahahahahahahahahahahahahaha
    hahahahahahahahahahahahhahahahahahahah
    ahahahahahahhahaha
    solo a te
    ahahahahahahahahahahhahahahahahahahaha
    hahahahahahahahahahahahahahahahhahahahaha
    hahahahahahahahahahahahahahahahahahahah

  • Nooo Matte un c\’è verso…
    avevo sentito dire che in quel parcheggio c\’erano scambi di coppie a go go eroba simile…ma la conferma diretta non era mai arrivata…fino a oggi!
    Oh mi raccomando quando vieni a giocare praticamente sotto casa mia non me lo dire eh!!!!

  • é vero è bruce…. mi è venuto in mente in autobus che ancora ci pensavo…. nel bel mezzo del silenzio parte un grido:"é DIE HARD!!!!!!! è VERO!!!!!!!!" E tutti lì a guardarmi male…ahahaha vabbè… cmq grandi risate…..

  • Ah mi ero dimenticato di una cosa….BECCATO L\’ANTIBLOGGER……..

Further reading

Instagram feed

Error validating access token: The session has been invalidated because the user changed their password or Facebook has changed the session for security reasons.Follow @matteoaiello