Il plettro

Matte vi odia tutti.
A prescindere che voi siate uomini, donne o bambini.
Matte vi odia.
Approfittando dei quasi 40 gradi all’ombra, ho trovato saggio andare a fare due passi in centro alle 14,30 del pomeriggio. E’ che avevo ricevuto per posta una lettera da H&M dove mi diceva che erano un attimo in crisi finanziaria e avevano bisogno di qualche
mio cinquantone. Prima sosta come sempre la libreria Edison anche se decido di fermarmi da Ricordi a vedere se era uscito Guitar Hero:Metallica per PS2. Nada, per Playstation2 ancora nulla. Prima o poi dovro’ cedere e comprare la 3, tanto la fine è quella.. Salgo le scale e vado al piano superiore dove ci sono gli strumenti musicali. Comincio a dare una scarrellata alle chitarre quando vedo il luccicare di una finitura cherry di una Epiphone uguale identica spiccicata alla Gibson Les Paul di Jimmy Page. Non faccio in tempo ad imbracciarla e a far finta di sapere l’assolo di White Room dei Cream che una voce mi distrae:
“Puoi provarla se vuoi?”. Era il commesso.
“No, no, ti ringrazio, va bene cosi” rispondo cercando di rimetterla il più velocemente possibile al suo posto.
“Ma dai provala. Lo so, non è una Gibson ma il suono è buono. Dovresti conoscerla la Epiphone giusto?”
“Ehm…. certo”
“Fa sempre parte della famiglia Gibson anche se costa molto meno..
Dai vieni con me che te la faccio provare”
“Ma non importa davvero, sono anche di fretta, ero passato soltanto
a dare un’occhiata”
“Dai vieni con me almeno mi dici se è valida”
Cazzo!
Ma sei sordo o sei il figlio della vecchia di Original X? NOOOOOOOOO! Parte sparato verso gli amplificatori, sarei voluto scappare magari scendendo le scale scivolando con il culo sulla ringhiera per fare prima, ma mi scocciava. In quel negozio ci vado spesso…. Così decido di seguirlo con la chitarra in mano. Sono un italiano. (idiota!) La attacca ad un amplificatore della Peavey nero e poi, tutto appare cosi chiaro:
“Il plettro non te lo do tanto hai quello attaccato alla collanina”
Coglione!
Si puo’ andare a giro con un plettro attaccato al collo quando non si sa distinguere un diesis da un bemolle?
Coglione!
“E ora che faccio?” pensai subito. La chitarra non ha i tasti colorati ma le corde e le note non compaiono su un monitor. Ero nella merda. Pensa Matte pensa………………. TROVATO! Sei un genio Matte!
Comincio a fare l’arpeggio di Nothing Else Matters, l’unico che so fare. Lo faccio per tipo quindici volte consecutive. Sempre lo stesso giro. Non mi sento neanche troppo handicappato anche se il sudore sulla mia fronte mi tradiva leggermente. Appena finisco allungo la chitarra verso il commesso che mi guardava tra il perplesso e il disperato.
“Hai ragione questa chitarra suona veramente bene” esordisco con la mia solita faccia come il culo “ti ringrazio per avermela fatta provare”.
Scendo le scale e mi tuffo fuori dal locale con un foxbury degno della
miglior Tania Cagnotto. Che figura di merda. Mi sfilo il laccettino dal collo e comincio ad imprecare tutti i santi, anche quelli che stanno in panchina, guardando quel malefico plettro rosso. Al primo cestino che vedo scatta il raptus. La butto via…. Mah no, è così carina e poi ce l’ho da cosi tanto tempo ormai ci sono affezionato. E poi fa troppo rock’n’roll.
Me la rimetto al collo e ricomincio a camminare verso H&M pensando che comunque l’arpeggio di Nothing Else Matters lo faccio veramente bene. Puo’ essere un inizio no??
Ricordatevi che mentre qualcuna di voi sta entrando in questo blog, io starò entrando dentro qualcuna di voi.
Spiacere è il mio piacere, io amo essere odiato
Nonostante tutto,
Matte continua ad odiarvi.
Cheers…

Further reading

Instagram feed

Instagram has returned empty data. Please authorize your Instagram account in the plugin settings .Follow @matteoaiello