W le costole

Matte vi odia tutti.
A prescindere che voi siate uomini, donne o bambini.
Matte vi odia.

Che senso ha festeggiare l’individuo che ci ha fatto bandire dal Giardino dell’Eden, condannandoci a lavorare e a farsi il culo piuttosto che starsene dalla mattina alla sera in panciolle a vegetare? C’erano più frutti che al mercato ortofrutticolo, e questa stupida ha preso l’unico che non doveva prendere. Voleva la mela, la troia. Già, ma è stata tentata. Appunto, la troia. Quante verità ci sono dietro quel gesto. Che senso ha dedicare una festa ad una costola? La prima stesura della Bibbia (i gossip dicono che sia stata scritta da Mosè, lo stesso che attraversò il Mar Morto perché ebbe il culo di trovare una secca, che ricevette le tavole con i Dieci Comandamenti, che fu il primo discendente della famiglia Baresi -si, proprio il difensore del Milan. Mentre stava conducendo il popolo di Israele sul Monte Sinai fu attaccato a Refidim dagli Amaleciti, una popolazione beduina. Ordinò a Giosuè, suo futuro successore, di organizzare la difesa mentre lui sarebbe salito su un’altura lì vicina con Aronne e Cur per seguire i combattimenti dall’alto. Ogni volta che Mosè pregava, alzando le braccia Israele vinceva mentre quando lo abbassava perdeva. I combattimenti si prolungarono e il profeta riuscì, grazie all’aiuto di Aronne e Cur a tenere le braccia alzate, permettendo così a Giosuè di vincere la battaglia e sconfiggere gli Amaleciti. Come faceva il grande Franco quando chiamava il fuorigioco davanti a Tassotti, Costacurta e Maldini. Se teneva il braccino alto, l’arbitro fischiava e il Milan vinceva, se lo teneva basso perdeva. Si è ritirato con la periartrite – e che è uno dei personaggi più forti di BIBLE FIGHT, non parla mai di come sia nata la prima donna. E’ con la seconda stesura del 900 a.C. che Dio crea l’uomo impastando la polvere del deserto e successivamente togliendogli una costola da vita alla donna.
Non poteva togliercene un’altra così ci facevamo i pompini da soli?
Sorvolando su questo “piccolo” dettaglio, mi sono sempre chiesto quale costola avrà scelto. Vedendo cosa ha combinato Eva e via dicendo tutte le sue discendenti, non dev’essere stata molto alta. Avrà preso una delle due fluttuanti, quelle non collegate allo sterno e più vicine alle parti bassi, al culo per intenderci. Sarebbe stato troppo chiedere che so la prima, al massimo la seconda partendo dall’inizio rischiando magari di assorbire qualche neurone e mostrare segni di intelletto.
La festa della donna è tutta un equivoco. Che in pochi conoscono. Anche sul cazzo di Facebook è apparsa la storia di questa ricorrenza.
“Ricordiamo le 129 operaie morte bruciate l’8 marzo 1908 a New York in una fabbrica di camicie”
STRONZATE
Era il 25 marzo 1911. Morirono 146 persone PER LO PIU’ giovani donne di origine italiana e dell’Europa dell’est.
In più, oltre allo strafalcione storico, per festeggiare questa festa idiota, seconda solo a San Valentino, nel nostro paese, e SOLO nel nostro paese, è stata scelta la mimosa come simbolo. La caratteristica principale dei fiori è quella di profumare giusto? Ecco, è stato scelto l’unico fiore che emana lo stesso odore dei sassolini dove i gatti cagano e pisciano.
E brave Teresa Noce, Rita Montagnana e Teresa Mattei. Gran bella trovata.
Si, sono sempre più convinto che il Creator abbia scelto una costola fluttuante.

Scherzi a parte, come si fa a vivere senza una donne?
Non c’è stata una volta in cui ho conosciuto una donna e non mi sia innamorato per dieci secondi come per dieci anni. Non posso farne a meno per quanto possa sembrare misogino. Essere misogino. Ho dichiarato guerra alle stupide, quando forse l’unico stupido sono io. Non esistono più quelle che piacciono a me. O se esistono è arrivato qualcuno più furbo e le ha messe sotto chiavATA.
L’ultimo grande uomo è morto nel 1957.
Rita Hayworth nel 1987, così logorata dall’Alzheimer da non ricordarsi neanche chi fosse.
Audrey nel 1993. Adesso sono diventate tutte Hepburn dipendenti non conoscendo un altro film che non sia Colazione Da Tiffany e sicuramente non sapendo neanche quanto fosse impegnata con l’Unicef, impegno che ha portato avanti fino a poco prima di passare a miglior vita.
Grace Kelly nel 1982. Avevo solo tre mesi. Di lei è rimasta solo la sua sosia sulle pagine di Diabolik, una canzone orribile di un certo Mika e il modello di una borsa di Louis Vuitton che spesso vedo in mano a qualche cafona discomane.
Non torneranno più donne in questo modo.
Smettila di guardare quei cazzo di film che hanno quasi ottant’anni.
Il mondo è cambiato. Nei locali si balla la house e la techno, non più lo swing o il boogiewoogie o il rock’n’roll. Si diventava famosi suonando uno strumento non facendo il deejay o peggio ancora il vocalist. Gli uomini non sono più uomini. Ma donne col pisello e senza tette. Sopracciglia fatte, lampada, capelli piastrati. Mi hanno detto che a giro si vedono uomini con gli UGG ai piedi. E’ la fine di tutto. Però la donna in grandi linee è sempre stata come quella dei noir. Più o meno. Più meno che più altrimenti non mi starei lamentando. Ma io mi lamento a prescindere.
Basta, non voglio infierire ancora, oggi è sempre la vostra festa.
Quanto è bello essere misogini.
Ammetterlo è una valida giustificazione a chi ti dice stronzo.
E a me lo dicono spesso. Chissà come mai?

Oggi gruppo sconosciuto. Pausa dai soliti noti.
Dalla Svezia con freddezza: The Hellacopters, By The Grace Of God

[youtube http://www.youtube.com/watch?v=L1aZUzaAdJY&w=480&h=390]

Ricordatevi che mentre qualcuna di voi sta entrando in questo blog, io starò entrando dentro qualcuna di voi.

Spiacere è il mio piacere, io amo essere odiato
Nonostante tutto,
Matte continua ad odiarvi.

Cheers…

1 comment
  • “Coste” Matte, non “Costole”. Le “Costole” sono quelle che mangi alla sagra della rosticciana.

Further reading

Instagram feed

Error validating access token: The session has been invalidated because the user changed their password or Facebook has changed the session for security reasons.Follow @matteoaiello